Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

La coinfezione HCV - HIV

Persone ad alto rischio per il virus dell'immunodeficienza umana (HIV) sono anche a rischio per altre infezioni trasmesse con l'uso promiscuo di siringhe infette, tra cui il virus dell'epatite B e/o il virus dell'epatite C.

Questi sono agenti patogeni trasmessi attraverso percorsi simili, ad esempio, come detto attraverso l'iniezione di droghe (IDU) oppure il contatto sessuale, o per trasmissione verticale dalla madre al bambino durante la gravidanza o parto.

Nel contesto di una efficace terapia antiretrovirale (ART) per il trattamento del virus dell'immunodeficienza, la malattia di fegato è emersa come una delle principali cause di morbilità e mortalità nelle persone affette da HIV.

Gli esperti consigliano lo screening per HBV e HCV di tutti i pazienti affetti da HIV e una gestione attenta e adeguata delle persone che si trovano ad essere infettate cronicamente.

Le strategie di trattamento per l'infezione da HBV comprendono l'uso di analoghi nucleos(t)idi per il trattamento dell'epatite B e la combinazione di PegIFN e ribavirina nel caso dell'epatite C.

Questi trattamenti sono possibili purchè vi sia una stabilizzazione dell'infezione da HIV.

Per tali pazienti la possibilità di essere sottoposti a terapia antiretrovirale (per HIV) e antivirale (per HBV e/o HCV) ha una maggiore rilevanza visto che è noto che la progressione dell'infezione da virus dell'epatite è più accelerata in caso di coinfezione con HIV anche se il numero di pazienti che possono beneficiare del trattamento sono numericamente inferiori per la più frequente carenza di globuli bianchi.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!