Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

interferone e futuro

costante, forte stanchezza/sonnolenza
sfoghi cutanei
salve, da ca. 3 anni sono affetto da epatite cronica hcv, genotipo 4, risultati fibroscan f2 (fibrosi moderata), elevato valore carica batterica, valori ematici discretamente superiori al range (gamma gt 190 p.es.), ecografia effettuta (fegato: dimensioni aumentate specie a carico delle sezioni di sinistra ed ecostruttura finemente e diffusmente incrementata con aspetto a bright liver, indenne da lesioni focali), progressivo incremento valori ygt. assumo carbolitio 300 (2 volte al dì); depakim 500 (1/2 mattina - 1/2 sera) per un disturbo bipolare e metadone (85 ml die) causa ex-tossicodipendenza/alcoolismo. dopo 4 mesi di terapia interferonica (pegasys 180 mg/settimana) e copegus (3 cpr./2 volte die) ho dovuto interrompere il trattamento causa forte stanchezza e viremia di 1,2 x 10^5 ui rispetto al valore pretrattamento di 4,3 x 10^6 ui. al 09/07/'09 hcv rna rt 1342783 ui/ml. vorrei sapere se ed eventualmente con quantà celerità ricominciare il trattamento interferonico? quale possa essere lo scenario che devo aspettarmi nel mio futuro nel caso l'interferone non funzioni e in che tempi? grazie per la cortese attenzione.
Dott.StefanoFagiuoliDirettore U.O.C. di Gastroenterologia AO Papa Giovanni XXIII Bergamo

la stanchezza sarà comunque presente anche ad un prossimo trattamento......dovrà essere psicologicamente pronto!!! non sarà un trattamento facile, dovrà esssere molto rigoroso con l'assunzione della terapia. ogni momento è buono se è indicato il ritrattamento

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione