Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

delucidazioni

nulla
salve,vi scrivo perchè non sono molto "esperta nel campo" e vorrei delle delucidazioni. il mio ragazzo tre anni fa è risultato siero positivo all'epatite c,ha seguito la cura di interferone e ribavirina con ottimi risultati. prima di tutto vorrei ben capire se questa cura fa si che questo virus non sia più trasmissibile in quanto so che è una malattia cronica,nel sangue il virus c'è ma è come "dormiente". lui periodicamente effettua controlli per tenere sotto controllo questa problematica..il risultato qualitativo è "positivo",quello quantitativo "non rilevato",il virus quindi c'è e può essere trasmesso? anche sessualmente? mi sono informata abbastanza su questa cosa e quasi tutti dicono che una volta fatta questa cura ( interferone + ribavirina) c'è la guarigione del paziente,ma non riesco a capire se comunque ci sono problematiche di trasmissione e se in futuro potrebbe sfociare in qualcosa di più grave. vorrei una vostra delucidazione,vi ringrazio in anticipo per tutto. noemi
Dott.ssaC.Di BenedettoMedico specialista in Medicina Interna.
USC Gastroenterologia 1
AO Papa Giovanni XXIII Bergamo

in caso di risposta alla terapia antivirale, definita come hcv rna quantitativo negativo, il virus viene definitivamente eradicato dall'organismo e non sussistono rischi di trasmissione virale in quanto hcv non permane mai "dormiente" una volta eliminato dalla terapia.
diversamente, in caso di mancata risposta alla terapia, la patologia si cronicizza e può evolvere fino a stadi avanzati di epatopatia con compromissione della funzionalità epatica di grado variabile.
nel caso da lei descritto il virus appare eradicato pertanto non esistono rischi di contagio.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione