Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

quadro clinico post-infezione HCV

Vi scrivo per una mia amica medico, che vive in Romania e ha avuto la sfortuna di contattare il virus c molti anni fa. Attualmente, in seguito alla terapia interferon-free è dichiarata guarita ma con i danni relativi. Ha finito la terapia il 29.10.2016. I valori iniziali prima della "guarigione" erano allarmanti: GOT 129 u/l; GPT 132 u/l ; Fibrotest 0,97 (F4), Actitest 0,55, Fibroscan 18,3 stiffuess (kPa). Adesso (23.04.2018) abbiamo GOT: 26 u/l GPT: 29 u/l, Bilirubina totale: 1,45 mg/dl, trombociti 107 000/mmc, Fibroscan 12,7, Fibrotest 0,83, Actitest 0,27. Le domande che vi rivolgo sono: - l'alimentazione, preferibilmente, in che consiste? - la birra senza alcol, 1-2 bicchieri a settimana può essere tossica? - perché la bilirubina è ancora alta? - che speranze di cura ci sono? (per la fibrosi e l'infiammazione) - "Telmisartan" compresse sarebbe indicato? Vi ringrazio e cordiali saluti.
L. RotaS. FagiuoliStaff Sanitario USC Gastroenterologia, Epatologia e Trapiantologia
ASST Papa Giovanni XXIII Bergamo

Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buonasera consiglio alla signora di mantenere stretto follow up con il centro di epatologia che l’ha curata, lo stile di vita adeguato( no alcol) e l’eradicazione del virus dovrebbero comportare un miglioramento dello stato di fibrosi, non trovo significativo l’aumento della bilirubina che è da correlarsi alla sua completa storia clinica ed ai valori iniziali della stessa

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione