Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

Epatite c e Coronavirus

Buongiorno. Sono un Operatore Socio Sanitario a Reggio Emilia. Positività Epatite c dal 1993 genotipo tre. Ho fatto cura con Epclusa nel 2017 accedendo come operatore sanitario. Da subito, già alla prima settimana, rna non rilevabile. Controllo dopo due anni rna non rilevabile. Esami sangue tutto bene. Sono arrivato alla cura dopo 25 anni di positività senza nessuna complicanza al fegato, fibroscan prima f1 poi f2, solo transaminasi sempre sopra la norma, anche se di poco. Credo anche perchè ho cercato di trattarmi bene per evitare complicazioni, oltre a controlli continui. Stò bene e mi dicono che sono guarito. Dopo due anni di rna non rilevabile direi che sono guarito e non me lo sento più dentro di me. Lavoro in ospedale, che oramai è ospedale covid, e sono molto molto preoccupato. L'epatite c come patologia è un ricordo, anche se non sò se è possibile una riattivazione. Le mie paure stanno nel fatto che un eventuale infezione da corona virus possa, per chi è stato nella mia stessa situazione, dare complicanze maggiori o addirittura una riattivazione del virus dell'epatite. Confermo il fatto che a livello di fegato non ho mai avuto assolutamente niente, nessuna complicazione, solo alcune volte steatosi. Vi prego, se possibile, di rispondermi, perchè lavorare in mezzo a dei pazienti covid mi porta sempre a pensare a questo mio dubbio alimentando ansia, oramai controllata con ansiolitici. Capisco che molto probabilmente non ci sono dati, essendo un virus nuovo e sconosciuto, ma vorrei il parere di un esperto e la vostra associazione mi può aiutare, questo lo sò perchè vi seguo da moltissimi anni. Grazie anticipatamente. Saluti Annino Panarella
L. RotaS. FagiuoliStaff Sanitario USC Gastroenterologia, Epatologia e Trapiantologia
ASST Papa Giovanni XXIII Bergamo

Questo parere non ha valenza di consulto medico e non può sostituire il colloquio, la visita e l’esame della documentazione medica del paziente.

Buongiorno la pregressa infezione HCV non la espone a rischi maggiori rispetto alle altre persone , non vi è neppure il rischio di riattivazione ...
Le raccomando il rispetto norme comportamentali ed uso DPI come definito da decreti ministeriali

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione