Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

trapianto fegato

il paziente è mio padre, ha 70 anni ed è malato di epatite c genotipo 1b e cirrosi epatica scompensata con ascite. nel corso di alcuni esami di verifica idoneità al trapianto abbiamo scoperto un carcinoma polmonare in zona periferica del polmone dx, da trattare con radioterapia. volevo sapere se in queste condizioni è possibile l'inserimento in lista trapianto per il fegato ? se si, quali sono i centri a cui poter far riferimento ? se no, perché ? nel caso, durante il trattamento del carcinoma polmonare, avesse peggioramenti drastici al fegato, sarebbe trapiantabile d'urgenza (anche non essendo in lista) ? se no, quali altre vie potrei seguire per evitare il peggio ? l'eventuale donazione di fegato da un familiare potrebbe cambiare le cose ? p.s. se avessi ancora dubbi dopo le sue risposte, come posso contattarvi per approfondimenti ? grazie mille.
Dott.ssaC.Di BenedettoMedico specialista in Medicina Interna.
USC Gastroenterologia 1
AO Papa Giovanni XXIII Bergamo

gentile utente un tumore in sede extraepatica diagnosticato meno di 5 anni orsono e in corso di attuale trattamento è una controindicazione assoluta al trapianto di fegato inoltre 70 anni di età sono anche il limite oltre al quale non è più possibile percorrere la strada del trapianto epatico indipendentemente dalla presenza di un tumore extraepatico.
la donazione di fegato da vivente è altrettanto controindicata in caso di tumore extraepatico proprio a causa dell'impatto prognostico che il tumore ha sul paziente e che è il motivo per il quale non si procede a trapianto. la sopravvivenza di questi pazienti è infatti compromessa a causa della patologia extraepatica e il trapianto non avrebbe il vantaggio prognostico desiderato. in questi casi è comunque importante rivolgersi direttamente al centro che stava valutando il paziente per trapianto di fegato per ottenere ulteriori informazioni circa questi quesiti e se restassero dei dubbi in merito, in quanto è assolutamente fondamentale conoscere dettagliatamente la storia clinica del paziente per rispondere con ulteriore dettaglio.

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione