Portale Epatite e malattie del fegato
Sito Epatite B
Sito Steatosi
Sito Cirrosi
Sito Tumori
Sito Trapianti
Nuovi Farmaci
Malattie autoimmuni

cancro al fegato

buongiorno, le invio questa e-mail con la speranza che troverò aiuto per mio padre che è stato diagnosticato con cancro al fegato in una fase avanzata. in questo momento segue un trattamento con nexavar, però la sua situazione è peggiorata, si sente molto male ed è molto debole. ho chiesto delle opinioni anche ad altri dottori e loro hanno preso in considerazione la variante del trapianto di fegato, come un'opportunità per mantenerlo in vita, lei pensa che sia possibile? se noi, i membri della famiglia siamo compatibili, vogliamo essere donatori. la sua situazione è proprio grave e non vogliamo perderlo. se possibile, possiamo sostenere anche i costi. le allego le ultime investigazioni mediche. la ringrazio e attendo un riscontro da parte sua. cordiali saluti,
Dott.ssaC.Di BenedettoMedico specialista in Medicina Interna.
USC Gastroenterologia 1
AO Papa Giovanni XXIII Bergamo

gentile utente non mi è possibile visualizzare la documentazione allegata tuttavia, da quello che ha scritto, posso evincere che se suo padre sta assumendo sorafenib (nexavar) è perchè i colleghi epatologi che lo hanno in carico hanno valutato che la malattia epatica tumorale e/o le condizioni cliniche del paziente non permettessero trattamenti locoregionali e/o chirurgici e/o una valutazione trapiantologica (le dimensioni e il numero di noduli sono criteri di selezione in caso di tumore epatico) allo stato attuale optando invece per una terapia medica che è comunque una terapia palliativa. in questi casi generalmente non è quindi possibile percorrere nemmeno la strada della donazione da vivente. tuttavia per avere un giudizio completo sul quadro clinico, le raccomando comunque di rivolgersi direttamente ad un altro centro epatologico che si occupi di trapianto di fegato portando il paziente e l'intera documentazione clinica poichè in questi casi, per esprimere un giudizio esaustivo risulta sempre fondamentale una valutazione clinica approfondita de visu.
cordialità

Vuoi ricevere aggiornamenti su questo argomento? Iscriviti alla Newsletter!

Quando invii il modulo, controlla la tua casella di posta elettronica per confermare l’iscrizione